A cura di:
La ricerca continua di un nuovo ruolo del mondo del lavoro come attore sociale di nuova conoscenza e di nuova cultura.
LIBRO
Prezzo: 22.00€
Un itinerario creativo straordinario. Un maestro del cinema italiano e un regista di fama internazionale
LIBRO
Prezzo: 14.00€

Non ci sono eventi in programma. Presto verranno inseriti.
Puoi vedere gli ultimi appuntamenti cliccando sul pulsante in basso.
Ediesse

altri appuntamenti
Di Vittorio esule in Francia. Scriveva Calvino: da Parigi parlava a tutti i nostri connazionali sparsi per il territorio francese
LIBRO
Prezzo:
La tutela della salute e della sicurezza nel settore dell’igiene ambientale: il quadro giuridico internazionale e quello italiano
LIBRO
Prezzo:
altre pubblicazioni
riviste

Scopri le riviste pubblicate da Ediesse, puoi visitare i loro siti, acquistare un numero oppure abbonarti

rivista giuridica del lavoronotiziario della rivista giuridica del lavoro
rivista delle politiche socialiquaderni di rassegna sindacale
le rivsite di Ediesse
Ediesse
Sindacato, politica, autonomia Per Riccardo TerziSindacato, politica, autonomia Per Riccardo Terzi
Current View
Versione stampabile
Parole chiave: sindacato - politica - Cgil
A cura di: Cgil Bergamo, Gruppo di lavoro Riccardo Terzi Francesco Mores, Eugenia Valtulina
Prefazione di: Salvatore Veca
Pubblicato nel: Gennaio 2017
Pagine: 176
ISBN: 978-88-230-2062-7
LIBRO
Prezzo: 12.00€

Riccardo Terzi, nato a Bergamo nel 1940 e morto a Milano nel 2015, lascia un prezioso contributo
di studi, che il Gruppo di lavoro a lui intitolato si prefigge di ordinare e valorizzare, partendo
da questo lavoro, realizzato con la Cgil di Bergamo.
Il volume raccoglie gli esiti di un se minario del 2015 con contributi, tra gli altri, di Adolfo Braga, Aldo Bonomi e Marco Revelli, un’intervista a Terzi e alcuni suoi interventi sulla storia e i mutamenti dei rapporti
fra i soggetti della rappresentanza politica e della rappresentanza sindacale.
«Terzi si interroga sulle trasformazioni della politica e della democrazia partendo da lontano, da quel repertorio di possibilità che è il passato. E misura la prossimità, e soprattutto la distanza, del presente rispetto a quel passato. Il paradosso di un modello di regime politico che nasce nel conflitto sociale per l’inclusione di ampie frazioni di popolazione escluse e finisce per funzionare come un sistema oligarchico destinato a configurare un’arena, distante dalla cittadinanza democratica, in cui si svolgono meri giochi di potere, è messo in luce da Terzi che può così insistere sul mutamento strutturale di ciò che usiamo chiamare ‘politica’.
E l’effetto inaspettato dell’esercizio del senso della storia è che solo così puoi vedere in altro modo lo stato delle cose presenti, puoi abbandonare un modo ormai opaco e distorto di nominare le cose e, forse, puoi scovare con uno sguardo libero e critico un varco per possibilità e alternative che la dittatura del presente azzera e rende opache o inaccessibili» (dalla Prefazione di Salvatore Veca).