Pratiche di sostegno all’autoregolazione. Suggerimenti per i consumatori.
LIBRO
Prezzo: 18.00€
A cura di:
I valori della civiltà occidentale alla prova delle migrazioni. Nuove schiavitù, lavoro gravemente sfruttato e immigrazione.
LIBRO
Prezzo: 20.00€

La società della prestazione

Lunedì, 30 Ottobre 2017 - 17:30
Empoli - Libreria Rinascita - Via Ridolfi 53
altri appuntamenti
La Programmazione negoziata in Sardegna Il giudizio sulla Programmazione negoziata Riflessione politica-economica per il futuro.
LIBRO
Prezzo:
Tecniche e indicatori per lo studio del capitale sociale. Il capitale sociale alla prova
LIBRO
Prezzo:
altre pubblicazioni
riviste

Scopri le riviste pubblicate da Ediesse, puoi visitare i loro siti, acquistare un numero oppure abbonarti

rivista giuridica del lavoronotiziario della rivista giuridica del lavoro
rivista delle politiche socialiquaderni di rassegna sindacale
le rivsite di Ediesse
Ediesse
Bruno Trentin. Tra il Partito d'Azione e il Partito ComunistaBruno Trentin. Tra il Partito d'Azione e il Partito Comunista

Gli anni dell’Università di Padova 1943-1949. Con la tesi di laurea e una lettera inedita a Gaetano Salvemini

Current View
Versione stampabile
Parole chiave: Cgil - Bruno Trentin - Padova
A cura di: Iginio Ariemma
Pubblicato nel: Aprile 2009
Pagine: 240
ISBN: 88-230-1347-6
LIBRO
Prezzo: 15.00€

Gli anni dell’università di Padova sono stati molto importanti per Bruno Trentin. A meno di due mesi dal suo rientro dalla Francia, dove fino ad allora aveva vissuto con il padre Silvio e la sua famiglia fuoriusciti a causa del fascismo, il 1° novembre del 1943 Trentin si iscrive alla Facoltà di giurisprudenza, dove si laurea il 16 ottobre 1949. In questo volume viene pubblicata per la prima volta la sua tesi di laurea, relatore Enrico Opocher, che reca il titolo «La funzione del giudizio di equità nella crisi giuridica contemporanea (con particolare riferimento all’esperienza giuridica americana)». Tra l’inizio e la conclusione della sua esperienza universitaria ci sono la guerra partigiana che Bruno Trentin combatte nel Veneto e a Milano nelle file di Giustizia e Libertà, e l’impegno politico come responsabile nazionale dei giovani del Partito d’Azione. Dopo lo scioglimento del PdA nel 1947 continua a fare politica, ma senza tessera. Si iscriverà poi al Partito Comunista e lo farà presumibilmente nel 1950.
È allegato al volume un Dvd che ricostruisce il suo corso di studi e contiene la sua testimonianza sull’appello agli studenti contro il fascismo lanciato dal rettore Concetto Marchesi. Nel libro è presente, inoltre, un vero gioiello: una lettera inedita di Bruno Trentin a Gaetano Salvemini del 1952. Si tratta di una lunga lettera, che trae spunto da un articolo del professore, amico di suo padre e che Bruno aveva conosciuto a New York nel 1947, sul caso Angelo Tasca, accusato di doppiogiochismo e che Salvemini invece assolve e giustifica, al contrario di Bruno e dei suoi fratelli. Nella lettera Trentin, oltre a contestare la posizione di Salvemini su Tasca, illustra la sua visione della Resistenza, il suo stato d’animo nei confronti della guerra fredda già in atto nel mondo e annuncia la sua adesione al Partito Comunista.