Pratiche di sostegno all’autoregolazione. Suggerimenti per i consumatori.
LIBRO
Prezzo: 18.00€
A cura di:
I valori della civiltà occidentale alla prova delle migrazioni. Nuove schiavitù, lavoro gravemente sfruttato e immigrazione.
LIBRO
Prezzo: 20.00€

La società della prestazione

Lunedì, 30 Ottobre 2017 - 17:30
Empoli - Libreria Rinascita - Via Ridolfi 53
altri appuntamenti
La Programmazione negoziata in Sardegna Il giudizio sulla Programmazione negoziata Riflessione politica-economica per il futuro.
LIBRO
Prezzo:
Tecniche e indicatori per lo studio del capitale sociale. Il capitale sociale alla prova
LIBRO
Prezzo:
altre pubblicazioni
riviste

Scopri le riviste pubblicate da Ediesse, puoi visitare i loro siti, acquistare un numero oppure abbonarti

rivista giuridica del lavoronotiziario della rivista giuridica del lavoro
rivista delle politiche socialiquaderni di rassegna sindacale
le rivsite di Ediesse
Ediesse
La sinistra di Bruno TrentinLa sinistra di Bruno Trentin

Elementi per una biografia

icona sfoglia
Current View
Versione stampabile
Autori: Iginio Ariemma -
Parole chiave: sinistra - sindacato - Cgil - Bruno Trentin
Pubblicato nel: Marzo 2014
Pagine: 192
ISBN: 88-230-1840-2
LIBRO
Prezzo: 13.00€

La vita di Bruno Trentin, dalla nascita in Francia dove la sua famiglia era in esilio a causa della dittatura fascista, alla guerra partigiana nelle file di «Giustizia e Libertà» (il partigiano Leone), alla CGIL e all’iscrizione al PCI provenendo dal Partito d’Azione, attraversa larga parte del Novecento. Segretario della FIOM e della FLM e principale protagonista dei Consigli di fabbrica durante l’autunno caldo, segretario generale della CGIL nei primi anni Novanta, ha lasciato un segno profondo nella cultura sindacale e politica.
Ariemma mette in luce il carattere originale e innovativo del suo pensiero: la sua ricerca permanente non dogmatica e non ideologica della realtà, a partire dal capitalismo e dal fordismo; la sua visione eretica della democrazia e del socialismo, non statale e critico verso il modello sovietico fin dal 1956, una democrazia e un socialismo come processo, come rivoluzione dal basso, a partire dai luoghi produttivi.
La politica per Trentin deve avere al centro il lavoro e il lavoro deve avere al centro la libertà e l’autorealizzazione della persona umana. Non esita a definire il suo messaggio utopia, un’utopia però non massimalista, ma concreta, sperimentale, tesa alla trasformazione della vita quotidiana a partire da chi il lavoro non ce l’ha o è precario, e quindi non è libero, oppure ha un lavoro alienante, opprimente, reificato.
Nell’ultimo periodo della sua vita si è battuto, anche come parlamentare europeo, per gli Stati Uniti d’Europa, e per avviare una nuova civiltà che avesse a fondamento il lavoro e la conoscenza.