A cura di:
La ricerca continua di un nuovo ruolo del mondo del lavoro come attore sociale di nuova conoscenza e di nuova cultura.
LIBRO
Prezzo: 22.00€
Un itinerario creativo straordinario. Un maestro del cinema italiano e un regista di fama internazionale
LIBRO
Prezzo: 14.00€

Non ci sono eventi in programma. Presto verranno inseriti.
Puoi vedere gli ultimi appuntamenti cliccando sul pulsante in basso.
Ediesse

altri appuntamenti
La tutela della salute e della sicurezza nel settore dell’igiene ambientale: il quadro giuridico internazionale e quello italiano
LIBRO
Prezzo:
Un grande poeta, scoperto da Fortini e Quasimodo, che dà voce alla sua fabbrica e alla sua vita di operaio metalmeccanico.
LIBRO
Prezzo:
altre pubblicazioni
riviste

Scopri le riviste pubblicate da Ediesse, puoi visitare i loro siti, acquistare un numero oppure abbonarti

rivista giuridica del lavoronotiziario della rivista giuridica del lavoro
rivista delle politiche socialiquaderni di rassegna sindacale
le rivsite di Ediesse
Ediesse
Primo riformare le pensioniPrimo riformare le pensioni

Lavorare per vivere, non vivere per lavorare

Current View
Versione stampabile
Autori: Gian Paolo Patta -
Prefazione di: Nicola Nicolosi e Gianni Rinaldini
Pubblicato nel: Giugno 2015
Pagine: 128
ISBN: 978-88-230-1981-2
LIBRO
Prezzo: 13.00€

La riforma Fornero non è stata né equa né sostenibile. Non è stata equa perché ha fatto pagare ai lavoratori a basso reddito un prezzo spropositato tra prolungamento della permanenza al lavoro e prelievo contributivo: i lavoratori, quelli manuali ma non solo, non ce la faranno a lavorare fino a un’età così avanzata e le aziende preferiranno liberarsene. Si prospetta un futuro terribile per milioni di lavoratori: ben altro che gli esodati! D’altra parte ha lasciato sacche di privilegio e ha persino migliorato i requisiti per l’accesso alla pensione dei lavoratori della fascia più alta di reddito. Dunque a pagare sono soprattutto le donne, gli operai, i parasubordinati, i precari e i lavoratori stranieri. E non è sostenibile perché non ha messo in sicurezza i conti dell’INPS non avendo risanato i fondi in passivo cronico e avendo scaricato sull’INPS il debito accumulato dalla gestione pubblica, non per colpa dei dipendenti ma delle amministrazioni, a cominciare dallo Stato, che per decenni non hanno versato i contributi. Infine non è stata neanche una riforma «europea»: la previdenza e l’assistenza in Germania sono gestite molto diversamente, in particolare per gli stati di bisogno, di cura, di maternità e di disoccupazione. Occorre quindi riformare profondamente il sistema tenendo conto dei mutamenti demografici, della nuova famiglia e delle caratteristiche del mercato del lavoro. La solidarietà, anche alla luce dei profondi mutamenti avvenuti nelle famiglie, non potrà che essere pubblica, pena l’insostenibile abbandono degli anziani a se stessi. L’Europa ci mostra esempi, a cominciare dalla Germania, per ripensare un welfare equo e sostenibile.

Gian Paolo Patta ha curato per ediesse:

Non ci sono altri libri curati da questo autore per Ediesse.