A cura di:
La ricerca continua di un nuovo ruolo del mondo del lavoro come attore sociale di nuova conoscenza e di nuova cultura.
LIBRO
Prezzo: 22.00€
Un itinerario creativo straordinario. Un maestro del cinema italiano e un regista di fama internazionale
LIBRO
Prezzo: 14.00€

Non ci sono eventi in programma. Presto verranno inseriti.
Puoi vedere gli ultimi appuntamenti cliccando sul pulsante in basso.
Ediesse

altri appuntamenti
Di Vittorio esule in Francia. Scriveva Calvino: da Parigi parlava a tutti i nostri connazionali sparsi per il territorio francese
LIBRO
Prezzo:
La tutela della salute e della sicurezza nel settore dell’igiene ambientale: il quadro giuridico internazionale e quello italiano
LIBRO
Prezzo:
altre pubblicazioni
riviste

Scopri le riviste pubblicate da Ediesse, puoi visitare i loro siti, acquistare un numero oppure abbonarti

rivista giuridica del lavoronotiziario della rivista giuridica del lavoro
rivista delle politiche socialiquaderni di rassegna sindacale
le rivsite di Ediesse
Ediesse
Guerra di Liberazione e sport popolareGuerra di Liberazione e sport popolare

Dal Fronte della gioventù all’UISP (1943-1948) Il caso di Firenze

Current View
Versione stampabile
Autori: Luciano Senatori -
Parole chiave: sport - Liberazione
Pubblicato nel: Novembre 2016
Pagine: 128
ISBN: 978-88-230-2026-9
LIBRO
Prezzo: 12.00€

Accostare le asprezze della guerra di Liberazione alla nascita dello sport popolare sembra essere un
autentico azzardo, eppure l’esperienza fiorentina del Fronte della gioventù, che aveva partecipato
in prima linea alla lotta contro il nazifascismo, dimostra che non è affatto così. Il volume ripercorre
le vicende di un’organizzazione che ha avuto vita breve, ma che ha costituito un esperimento unico di
autonomia rispetto all’allineamento partitico; un laboratorio di associazionismo e democrazia partecipata
aperto alle iniziative politiche e culturali dal basso. Proprio nel delineare un programma di ricostruzione nazionale, il Fronte aveva indicato nello sport una delle leve attraverso cui i giovani avrebbero potuto tornare a vivere e a sperare, incoraggiandone la rinascita e una più ampia diffusione. Ed è a Firenze, sia in modo diretto sia attraverso i movimenti giovanili di altri partiti della sinistra, coinvolgendo la CGIL, il sindacato metalmeccanici FIOM, fabbriche e aziende come l’Officina Galileo, l’Officina motori delle ferrovie, la Società elettrica Valdarno, l’Istituto geografico militare, che il Fronte si è fatto, più che altrove, promotore della creazione di un’organizzazione nazionale per lo sport popolare. Sarà un’esperienza determinante, da cui avrà origine, pur in un percorso non lineare e carico di contraddizioni, la costituzione stessa dell’UISP.