ae-11--2012-Piano del lavoro e contrattazione

Copertina AE 11/2012

Monografia

Piano del lavoro e contrattazione

  • Piano del lavoro e politiche rivendicative
  • L'occupazione nella crisi economica: quali evoluzioni nell'agroalimentare?
  • Occupazione, orari di lavoro e produttività
  • Le politiche della Cgil contro la disoccupazione
  • Il collocamento in Italia (Ricerca storica)
  • La Cgil e l'occupazione (Appendice documentaria)
Presentazione
Ops, potresti aver disabilitato i javascripts. in questo caso potrai comunque vedere tutti i contenuti ma alcune funzionalità non saranno attive
Monografia
link all'articolo completo
La funzione della contrattazione è fondamentale per il rilancio dell’occupazione. Il rinnovo del contratto collettivo nel settore agroalimentare unisce il recupero del potere d’acquisto dei salari, la difesa dei diritti e delle tutele con il rilancio di nuove opportunità occupazionali sui temi della qualità del lavoro e del prodotto. E’ indispensabile, inoltre, intervenire sul collocamento in agricoltura per rendere trasparente l’incontro tra domanda e offerta di lavoro.
link all'articolo completo
Il tasso di occupazione in Italia è inferiore a quello registrato nelle economie europee e mondiali. L’industria alimentare, dopo una caduta, mostra in questo periodo una ripresa dell’occupazione e l’agricoltura manifesta un andamento occupazionale in linea con l’economia nazionale ma inferiore nel complesso del settore manifatturiero. Tabelle, figure e un’analisi dell’agroalimentare a livello territoriale supportano le diverse conclusioni sulla dinamica occupazionale.
link all'articolo completo
Orari e occupazione hanno uno stretto legame. La schematizzazione collettiva delle giornate di lavoro e di riposo è necessaria per stabilire, nelle diverse turnazioni (5x3; 6x3; 7x3), l’occupazione per posto di lavoro e la definizione delle squadre necessarie. Tale criterio fissa uno sviluppo occupazionale, una forte flessibilità e professionalità sugli impianti, robusti incrementi di produttività e un’elevata qualità del prodotto.
link all'articolo completo
Il convegno contro la disoccupazione della Federterra (1912) e il Piano del lavoro (1949) sono due tappe importanti per comprendere l’attuale strategia della Cgil per lo sviluppo occupazionale. E’ necessario collocare il nuovo Piano del lavoro in un ambito europeo.
link all'articolo completo
La necessità di ridefinire nuove regole e nuove forme di gestione del mercato del lavoro scaturisce da una lunga analisi storica del collocamento in agricoltura. Gli anni ’80 sono il periodo dei cambiamenti strutturali. La caduta della capacità di controllo pubblico del collocamento e il riproporsi del fenomeno del “nuovo caporalato agricolo” richiedono rapidamente interventi legislativi e condizioni maggiori di trasparenza nel mercato del lavoro.
Ops, potresti aver disabilitato i javascripts. in questo caso potrai comunque vedere tutti i contenuti ma alcune funzionalità non saranno attive
Documentazione
link all'articolo completo
La documentazione sugli estratti del Piano del lavoro (Genova, 1949) e Per una nuova politica economica e sociale (Bari, 1973) sono i fondamenti che hanno caratterizzato l’iniziativa sindacale della Cgil sul terreno dello sviluppo economico e occupazionale.
Ops, potresti aver disabilitato i javascripts. in questo caso potrai comunque vedere tutti i contenuti ma alcune funzionalità non saranno attive
Rubrica: Lavoro e salute
link all'articolo completo
Il principio di precauzione e una campagna d’informazione per l’uso appropriato dei telefoni mobili sono le condizioni per evitare i rischi che possono manifestarsi a distanza di tempo e in seguito al prolungato uso del cellulare da parte di adulti e di bambini.
Ops, potresti aver disabilitato i javascripts. in questo caso potrai comunque vedere tutti i contenuti ma alcune funzionalità non saranno attive
Recensioni
link all'articolo completo
A. Botte, Rosso rosso, (prefazione di V. Lamonica), Ediesse, Roma, 2012, pp. 160.