home

Democrazia

Introduzione. Linee per una riflessione culturale

Articolo scritto da: Saul Megnaghi,

Nel numero: N2-2009
Il documento della Conferenza di organizzazione della CGIL si sofferma sulla formazione sindacale in diversi punti, dedicando al tema uno specifico capitolo. Si sottolinea che "i grandi mutamenti avvenuti richiedono conoscenza e nuove competenze, per cui è necessario adeguare la formazione alle esigenze del nuovo contesto". La formazione deve servire a garantire l’elaborazione e lo sviluppo di un sapere antico che guidi l'azione sindacale. L’insieme dei saggi raccolti nella rivista costituisce parte del supporto culturale al progetto oggi in corso.
Parole chiave: Lavoro :: Democrazia :: formazione ::
[...]
L’era post-ideologica: senza la dissoluzione delle ideologie

Articolo scritto da: Cesare Pinelli,

Nel numero: N3-2008
Parlare di «democrazia e rappresentanza sociale nell’era post-ideologica» richiede prima di tutto un chiarimento su un termine evocativo ma carico di ambiguità, quale «era post-ideologica», in secondo luogo richiede di interrogarsi sul significato che, in quell’era, democrazia e rappresentanza sociale possono avere o hanno già avuto: nel primo caso si tratterà di immaginare un futuro, nel secondo cercare di descrivere una realtà vicina, ma già trascorsa. Il compito – come si vede – è impegnativo, e induce a procedere per approssimazioni successive.
[...]
Il mito della «democrazia immediata»: rappresentazione o rappresentanza?

Articolo scritto da: Antonio Floridia,

Nel numero: 4-2013
L’articolo propone alcune riflessioni sui significati, anche molto divergenti, che vengono attribuiti alla crisi della «democrazia rappresentativa». L’articolo sostiene che la principale linea discriminante possa e debba essere individuata distinguendo, da un lato, una visione della democrazia fondata sull’immediatezza delle relazioni tra il «volere» del popolo e le «decisioni» delle istituzioni politiche; dall’altra, una visione della democrazia fondata invece sulle forme della mediazione e della rappresentanza.
Parole chiave: Democrazia ::
[...]
Accordo separato: quel modello limita la contrattazione

Articolo scritto da: Susanna Camusso,

Nel numero: N2-2009
Una disamina critica del recente accordo sul modello contrattuale, non siglato dalla CGIL.
Parole chiave: Democrazia :: Contrattazione ::
[...]
Percorsi democratici nell’Italia di mezzo

Articolo scritto da: Francesco Ramella,

Nel numero: N3-2008
Negli ultimi anni si è assistito a una ripresa del dibattito sulla democrazia. Si tratta di un problema affrontato da diverse angolazioni, ma che vede nella concezione della cittadinanza e della rappresentanza sociale un punto di snodo particolarmente delicato. Qual è il ruolo dei cittadini nelle democrazie mature? A questo interrogativo gli scienziati sociali tendono a dare risposte differenti, che colgono aspetti parziali e talvolta contraddittori dei mutamenti in atto. C’è, ad esempio, chi intravede una crisi tendenziale della cittadinanza democratica. ...
Parole chiave: Democrazia :: Italia ::
[...]
La Cgil e il ’56: democrazia e autonomia

Articolo scritto da: Bruno Trentin.,

Nel numero: N4-2006
Non è la prima volta che mi accade di rievocare la figura di Giuseppe Di Vittorio, e il suo ruolo in un anno – il 1956 – che rappresenta uno spartiacque nella storia del movimento operaio internazionale. Ma parlarne oggi, in modo non rituale o puramente celebrativo, per me significa riaprire una riflessione critica a tutto campo sulla vicenda del Pci e della sinistra italiana nel dopoguerra. Qui mi limito solo a segnalare quest’esigenza, che pure avverto da molto tempo. ...
Parole chiave: Democrazia :: CGIL :: autonomia ::
[...]
Sindacato, democrazia e rappresentatività. Il caso italiano in prospettiva comparata

Articolo scritto da: Lucio Baccaro,Mimmo. Carrieri,

Nel numero: N2-2011
Gli autori analizzano i dati che mostrano la crisi di rappresentanza dei sindacati europei. Ritengono che questa sia una buona ragione perche i sindacati aumentino l'attenzione a meccanismi di coinvolgimento democratico dei lavoratori, dal momento che gli associati sono molto spesso, come nella realtà italiana, una minoranza. Nel caso italiano gli autori ritengono maturo il passaggio a regole generali per la misurazione della rappresentatività. Ritengono anche utile la introduzione, dosata e selettiva, di meccanismi di più estesa partecipazione democratica.
Parole chiave: sindacato :: Democrazia :: rappresentatività. ::
[...]
Democrazia e rappresentanza del lavoro. La «narrazione postideologica» e la «narrazione neolaburista»

Articolo scritto da: Antonio Cantaro.,

Nel numero: N3-2008
Storicamente in Europa la rappresentanza sindacale sorge e si struttura a partire da due postulati forti e, a lungo, vissuti come non contraddittori e autoevidenti. Il primo è quello di una naturale, ovvia, strutturale dicotomia di interessi economici e sociali tra imprenditori e lavoratori. La componente, per così dire, conflittuale e marxista della rappresentanza. Il secondo è che nel vivo dei conflitti concreti tra datori di lavoro e prestatori d’opera la contrapposizione tra capitale e lavoro possa e debba trovare un punto di com- promesso e di formalizzazione. ...
[...]
Le differenti declinazioni sindacali della rappresentanza e della democrazia

Articolo scritto da: Domenico Proietti,

Nel numero: N2-2011
La Uil forte della sua cultura laica e riformista ha sempre ricercato modelli di democrazia e rappresentanza per affermare il ruolo di sindacato della partecipazione. Lo scenario contrattuale futuro prevede sempre più un mix tra contratto nazionale, territoriale ed aziendale e rende indispensabile procedere su questa strada. Il movimento sindacale italiano nella sua pluralità deve mantenere il suo profilo di rappresentatività degli iscritti e di tutti i lavoratori attraverso una certificazione verificabile e trasparente.
Parole chiave: sindacato :: Democrazia :: Uil :: appresentanza ::
[...]