home page

Il principio di non discriminazione dei lavoratori a termine

copertina
Nel numero:
ANNO LXVII - 2016 - 4
Articolo scritto da:
Parole chiave: contratto a termine -
Il principio di non discriminazione tra lavoratori a termine e lavoratori a tempo indeterminato, introdotto dalla direttiva 1999/70/CE vale anche per la corresponsione dei compensi incentivanti? O sussistono ragioni obiettive di incompatibilità? Questo è il “cuore” delle sentenze in commento, scelte tra le prime pronunce di legittimità in materia e concernenti la mancata corresponsione ai dipendenti a termine dei compensi incentivanti riconosciuti ai dipendenti a tempo indeterminato comparabili.
;

Abbonandoti puoi leggere e scaricare l'articolo completo

Cassazione, N.1521-27 Gennaio 2016

(Cassazione
N:1521 - 27 Gennaio 2016)

Pres. Macioce, Est. Blasutto, P.M. Matera (Conf.) – Croce rossa italiana (Avvocatura Generale dello Stato) c. B.L. + 13 (avv.ti Pallini, Scarpelli). Conf. Corte d’Appello di Milano, 21.10.2013

Note: Il principio di non discriminazione dei lavoratori a termine
Parole chiave: contratto a termine ::

Contratto a termine – Principio di non discriminazione – Corresponsione del compenso incentivante – Insussistenza di ragioni oggettive di incompatibilità.

Deve essere esclusa in radice una incompatibilità ontologica del compenso incentivante con i rapporti di lavoro a tempo determinato.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Cassazione, N.152-8 Gennaio 2016

(Cassazione
N:152 - 8 Gennaio 2016)

Pres. Macioce, Est. Buffa, P.M. Matera (Conf.) – Croce rossa italiana (Avvocatura Generale dello Stato) c. G.L. (avv.ti Alfonsi, Della Corte). Conf. Corte d’Appello di Roma, 20.6.2012.

Note: Il principio di non discriminazione dei lavoratori a termine
Parole chiave: contratto a termine ::

Contratto a termine – Principio di non discriminazione – Corresponsione del compenso incentivante – Insussistenza di ragioni oggettive di incompatibilità.

La mancata corresponsione del compenso incentivante ai dipendenti a tempo determinato, in virtù di contratti ripetutamente prorogati, è in contrasto con il principio di non discriminazione introdotto dalla Direttiva n. 1999/70/Ce, anche alla luce della disciplina contrattuale collettiva in materia.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa