attività sindacale

Nota a sentenza

Articolo scritto da: Giampiero Golisano

Il Tribunale Arezzo, con ordinanza 3 ottobre 2013 e nell’ambito del procedimento d’urgenza (art. 700 c.p.c.), affronta il tema del diritto di critica e afferma la legittimità della diffusione, da parte delle organizzazioni sindacali, di “preoccupazioni” sulla crisi aziendale e sull’eventuale, conseguente esubero di lavoratori. Il profilo peculiare della decisione consiste nel riconoscimento espresso che il diritto di critica può assumere legittimamente una connotazione anticipatoria e concretizzarsi in valutazioni ipotetiche sulle probabili scelte di gestione del datore di lavoro.

Tribunale di Arezzo, N.1895-3 Ottobre 2012

(Tribunale di Arezzo
N:1895 - 3 Ottobre 2012)

Est. Picardi – Newlat Spa (avv.ti Cumani, Torino, Cherubini) c. Fai-Cisl Arezzo (avv. Borri), Flai-Cgil Arezzo (avv.ti Assennato, Fiore, De Angelis, Sacconi, Petruccioli), Uila-Uil Arezzo (avv. Borri), Cgil nazionale (avv. Di Celmo), agenzia Ansa (avv.ti Abati, Annunziata).

Note: Nota a sentenza
Parole chiave: attività sindacale ::

Attività sindacale – Diritto di critica – Diffusione tramite i mezzi di informazione – Legittimità della condotta.

La diffusione da parte delle organizzazioni sindacali, tramite i mezzi di informazione, di preoccupazioni sull’eventualità di una crisi aziendale e sul conseguente esubero di lavoratori costituisce legittimo esercizio del diritto di critica.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa

Tribunale Roma, N.Est. Buonassisi – F.C.V. e altri (avv. Gatti) c. Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil trasporti/Uil, Federazione nazionale

(Tribunale Roma
N:Est. Buonassisi – F.C.V. e altri (avv. Gatti) c. Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil trasporti/Uil, Federazione nazionale trasporto aereo/Uglt (avv.ti Andreoni, Vacirca, Nappi, Mezzina, Ametrano) - 9 Febbraio 2016)

Note: La difficile democrazione sindacale: i lavoratori partecipanti al referendum sono solo spettatori?
Parole chiave: sindacale :: referendum :: attività ::

Attività sindacale – Contratto collettivo – Consultazione lavoratori mediante referendum – Interesse giuridico ad agire dei lavoratori, al fine di far accertare l’invalidità o irregolarità delle operazioni e dell’esito referendario – Non sussiste.

In presenza di consultazione referendaria sull’approvazione di contratti collettivi, promossa dalle organizzazioni sindacali che li hanno sottoscritti, difetta l’interesse giuridico dei lavoratori partecipanti alla consultazione ad agire in giudizio per far valere la presunta illegittimità o irregolarità della tornata referendaria.
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa