home page

occupazione

Cambiamenti demografici e mercato del lavoro

English abstract
Attraverso l’analisi dell’ampia letteratura italiana e internazionale e la presentazione dei più recenti dati statistici relativi al caso italiano, questo articolo si pone come obiettivo di contribuire al dibattito sull’impatto delle dinamiche di popolazione sulla struttura del mercato del lavoro proponendo delle chiavi di lettura relativamente a quello che è verosimile attendersi negli anni futuri. In questo lavoro, accanto agli aspetti che evidenziano elementi di preoccup
abbonati
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Gli interventi regionali nelle crisi occupazionali dopo la riforma del Titolo V della Costituzione

Il contributo si propone di operare una veloce rassegna degli interventi messi in campo a livello regionale per fronteggiare le difficoltà occupazionali originatesi a partire dal 2008 per effetto della crisi economica, evidenziando due linee generali di azione: il sostegno al reddito ed il sostegno all’occupazione (e all’occupabilità). Nella parte finale dello scritto, specifica attenzione viene dedicata allo studio di un caso, quello della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia
abbonati
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Politiche di conciliazione, partecipazione delle donne al mercato del lavoro e sfide demografiche

English abstract
Articolo scritto da:
Parole chiave: lavoro donne occupazione
L’articolo si pone l’obiettivo di indagare le politiche italiane di conciliazione e di sostegno alla famiglia nella prospettiva di individuare proposte utili per un miglioramento delle condizioni di vita e lavoro delle donne, sia con riguardo alla cura dei figli che alla cura degli anziani. In entrambi i casi, infatti, il coinvolgimento delle donne risulta prevalente, con ripercussioni sulla frammentazione delle carriere lavorative che produce nuove fragilità sociali e nuove povertà.
abbonati
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Globalizzazione, flessicurezza e crisi economica

English abstract
La globalizzazione ha rimesso in discussione princìpi e regole del Diritto del lavoro: il suo carattere tipicamente nazionale ha rappresentato un fattore di debolezza. Il Diritto del lavoro è stato sottoposto a pressioni da parte dei mercati globali e delle politiche economiche pro-business, subordinate a tali mercati, che hanno comportato un processo di riforme di «modernizzazione» del Diritto del lavoro nella direzione di una sua flessibilizzazione. La «ricetta» dell’Unione europea, di fronte alla sfida della globalizzazione è stata quella della flessicurezza
abbonati
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Politiche europee e mutamenti demografici

English abstract
Il contributo esamina come la prospettiva dei mutamenti demografici abbia influenzato le politiche europee, in particolare le nuove forme di governance macroeconomica con riguardo alla sostenibilità dei sistemi previdenziali e a politiche dell’occupazione volte ad accrescere la partecipazione al mercato del lavoro. In una prima fase, l’Europa ha utilizzato sia strumenti di hard law che di soft law, in particolare il Metodo aperto di coordinamento, per favorire mercati del lavoro aperti e inclusivi perseguendo una positiva integrazione tra diritti e politiche.
abbonati
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Lavoro e redditi. Dagli «ammortizzatori sociali» a nuove forme di organizzazione economico-sociale

Articolo scritto da:
Le dinamiche economiche e sociali del nostro tempo vedono la riduzione e il peggioramento progressivi, seppure differenziati, dell’occupazione in molti settori produttivi. Anche in caso di ripresa dello sviluppo, c’è ormai la convinzione che non ci sarà un soddisfacente ritorno occupazionale nei termini quantitativi e qualitativi preesistenti. Gli ammortizzatori sociali, pensati soprattutto per rispondere alle fasi del ciclo, devono essere integrati da altri strumenti.
abbonati
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Crisi economica e riforma del diritto del lavoro in Spagna. Le ricette neoliberali producono occupazione?

La delicata situazione economica che stiamo attraversando nell’Unione europea, e che ognuno degli Stati sta subendo con intensità diversa ha prodotto la rottura del presunto consenso esistente in merito alla rilevanza del modello del benessere sociale. L'Autrice analizza come nelle riforme in Spagna il diritto del lavoro, inteso come ramo del diritto o disciplina che studia specificatamente la forma giuridica dei rapporti di lavoro subordinato, via via si sta trasformando in Diritto dell’occupazione.
abbonati
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Il Piano del lavoro nuove pratiche di concertazione territoriale

English abstract
Articolo scritto da:
Il contributo traccia un sintetico quadro della situazione economica e del lavoro in Italia. Evidenziati gli effetti controproducenti delle «richieste dell’Ue», soprattutto su alcuni settori produttivi che necessiterebbero di innovazione di prodotto, e la scarsa efficacia dei provvedimenti dell’attuale compagine governativa in termini di rilancio degli investimenti e di creazione dell’occupazione, si illustrano le linee guida del Piano del lavoro della Cgil.
abbonati
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Flessibilità del lavoro e giovani

English abstract
Il saggio analizza le politiche del lavoro sulla flessibilità alla luce dell’obiettivo dell’incremento dell’occupazione giovanile. In particolare, l’Autore si sofferma sugli strumenti di flessibilità espressamente deputati, almeno nell’intenzione del legislatore, a favorire l’ingresso nel mercato del lavoro, come il contratto a termine e la somministrazione, il lavoro parasubordinato e l’apprendistato.
abbonati
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Discriminazione per età, ricambio generazionale, discriminazione di genere nei recenti orientamenti della Corte di Giustizia Ue

Il saggio analizza l’orientamento della Corte Giustizia UE in materia di divieto di discriminazione per età alla luce delle numerose e recenti pronunce in materia, per individuare la portata del giudizio di proporzionalità e di bilanciamento con altri valori primari, quali il perseguimento di obiettivi occupazionali. Ci si sofferma sull’interpretazione volta a considerare il ricorrere della promozione del “ricambio generazionale” come giustificazione del venir meno del divieto, pur non essendo esso contemplato dalla direttiva, sulla base della sua connessione col principio di solidarietà.
abbonati
articolo completo visibile solo da utenti abbonati