carrello
notiziario
rgl
home page

Corte di cassazione, N.3835-26 Febbraio 2016

(Corte di cassazione
N:3835 - 26 Febbraio 2016)

Pres. Roselli, Est. Di Paolantonio, P.M. Servello (Diff.) – Inps (avv.ti Maritati, D’Aloisio, Sgroi) c. C.L. (avv. Dierna). Conf. Corte d’Appello di Bologna, 3.9.2012.

Note: Gestione commercianti: insufficiente la qualità di socio accomandatario per far scattare l'iscrizione
Parole chiave: contribuzione previdenziale ::

Contribuzione previdenziale – Art. 1, comma 202, l. n. 662/96 – Ge - stione previdenziale commercianti – Requisiti soggettivi – Au to ma - ticità iscrizione socio accomandatario – Non sussiste – Onere probatorio.

Ai sensi dell’art. 1, comma 203, l. n. 662/1996, che ha modificato l’art. 29 della l. n. 160/1975, e dell’art. 3 della l. n. 45/1986, nelle società in accomandita semplice la qualità di socio accomandatario non è sufficiente a far sorgere l’obbligo di iscrizione nella gestione assicurativa degli esercenti attività commerciali, essendo necessaria anche la partecipazione personale al lavoro aziendale, con carattere di abitualità e prevalenza, la cui ricorrenza deve essere provata dall’istituto assicuratore
abbonati
Abbonandoti puoi leggere e scaricare la sentenza completa