login_rps_multi

Username:

Password:

Hai perso la password?

Username:

Password:

Retrieve lost password

calls

eventi_rps

RPS 1 2018

Il testo è la sintesi dell’articolo pubblicato nella sezione Tema del n. 1 2018 di Rps e scaricabile dagli abbonati nella versione integrale al link:

[...]
vai all'archivio degli eventisee all the happenings
firefox
Valid XHTML 1.0 Strict

crisi

Nuovi poveri, vecchie povertà

Articolo scritto da:

Nella Sezione: Sulla specificità del caso italiano

Il saggio esamina le ragioni alla base della conversione concettuale dalle vecchie alle nuove povertà. Al contempo si evidenziano le conseguenze di tale impostazione che delinea di fatto una sorta di scomparsa della povertà, perché se è vero che l’approccio economico tradizionale allo studio della povertà presenta dei limiti d’interpretazione e rappresentazione della realtà, in cui non sono più solo i beni essenziali che giocano un ruolo decisivo nella definizione delle scelte di vita e delle condizioni di benessere e/o privazione, è altresì vero che ponendo tutto sullo stesso piano, si corre il pericolo di una paralisi dell’azione correttiva. L’attenzione si concentra sullo stato della povertà in Italia, mettendone in evidenza la relativa stabilità in un intervallo temporale medio-lungo e la relazione che intercorre tra la versione «hard» della povertà economica e le sue espressioni «soft». Si giunge a delineare un modello italiano della povertà, fondato su un'elevata diseguaglianza nella distribuzione dei redditi, la sua relativa persistenza e l’elevata correlazione intergenerazionale, a cui si sommano il divario territoriale fra Nord e Sud e il ruolo strategico della famiglia.
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Nuova crisi e vecchi problemi. Effetti collaterali sul lavoro delle donne

Articolo scritto da:

Nella Sezione: TEMA: Disuguali e disintegrati. L'Italia al tempo della crisi

Il saggio guarda agli effetti della crisi sulla partecipazione delle donne nel mercato del lavoro italiano, nelle politiche e nei numeri. A fronte della diffusa convinzione che la crisi abbia colpito prevalentemente la componente maschile, le analisi mostrano gli effetti corrosivi della già debole presenza femminile, la cui recente crescita di offerta è sintomo di un grave affanno più che di una spinta virtuosa. Ciò risulta evidente dagli indicatori del mercato del lavoro, dalla frammentarietà e incoerenza degli interventi attuati da cui non emerge una tensione verso la partecipazione paritaria tra i sessi, come pure dal prefigurarsi di nuovi rischi quali l’accorciamento del percorso di studi delle giovani nella fascia universitaria, che rinunciando così al principale fattore di promozione e protezione, le espone a rischio di esclusione.
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Nota del direttore

Articolo scritto da:

Nella Sezione: nota del direttore

Il fascicolo è dedicato alla pubblicazione di alcuni saggi presentati in recenti conferenze sul welfare. In questo caso gli eventi di riferimento sono due: il Forum annuale di «Rps» e la VII Conferenza europea del network Espanet. Anche in ragione di ciò il numero è suddiviso in due sezioni. Nella prima parte tutti i saggi, conformemente al tema del Forum, concorrono all’analisi dei tipi di riassetto del sistema sociale italiano per come determinati dall’azione della crisi finanziaria internazionale e dall’azione nazionale di governo. La seconda sezione ricalca il tema della VII Conferenza europea ESPAnet, il cui focus è stata una riflessione complessiva sul futuro del welfare, rintracciandone i percorsi di innovazione che si delineano fra limiti e opportunità. La, difficile, selezione dei contributi operata da «Rps» è stata orientata soprattutto dall’ampiezza di sguardo e compiutezza argomentativa, nonché dalla loro originalità tematica.
Parole chiave: Europa :: Italia :: welfare state :: crisi :: temi emergenti ::
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

QUESTIONE SOCIALE E NEOPOPULISMI

Insicurezza e populismo. I dieci anni della grande crisi

Articolo scritto da:

Nella Sezione: Rubrica

L’articolo riflette intorno al nesso tra crisi – sociale, economica, politica – e fenomeno populista. Le diverse dimensioni dell’insicurezza, connesse alle diverse facce della crisi, convergono nel configurare una «grande crisi» che rende il cittadino, a sua volta, sempre più «critico» nell’approccio alla politica democratica. Questa dinamica favorisce il richiamo di un discorso populista che, da un lato, fa leva sulla difficile capacità di «risposta» dei governi e dei partiti e, dall’altro, stimola e sfrutta l’insofferenza crescente verso le istituzioni e gli attori della democrazia rappresentativa. La ricostruzione fornita, attraverso il ricorso a dati demoscopici e alla letteratura sul tema, suggerisce che la crisi finanziaria ed economica globale si configura come una variabile interveniente, più che la causa, che ha accelerato, fino a esasperarlo, un processo di più lungo periodo di indebolimento del rapporto tra società e politica rappresentativa.
Parole chiave: crisi :: insicurezza :: populismo :: Italia ::
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Crisi economica e politiche regionali di sostegno al reddito

Articolo scritto da:

Nella Sezione: Ammortizzatori sociali e sostegno al reddito in Italia

La crisi del sistema produttivo ha avuto l’effetto di modificare, rafforzandolo, il ruolo delle amministrazioni regionali nella gestione delle politiche passive al lavoro. Difatti, accanto alle funzioni di governo – e di sostegno finanziario – dei cosiddetti ammortizzatori sociali in deroga assegnati alle Regioni dall’accordo Stato-Regioni del febbraio 2009, va anche preso in considerazione il fiorire di interventi integrativi e sostitutivi da ultimo messi in campo dalle stesse autonomie territoriali. Tuttavia l’intervento regionale, di rimessa rispetto a quello nazionale, diffuso a macchia di leopardo e comunque necessariamente limitato a livello territoriale, mette in luce l’intrinseco carattere potenzialmente dirompente dei più recenti sviluppi nell’area delle politiche di protezione del reddito, ove non accompagnati in modo adeguato da una forte azione perequativa di livello nazionale.
articolo completo visibile solo da utenti abbonati