login_rps_multi

Username:

Password:

Hai perso la password?

Username:

Password:

Retrieve lost password

calls

eventi_rps

RPS 3 2017

È online il numero 3/2017 di Rps. Il fascicolo dedica la sezione monografica al futuro dei diritti sociali in Europa. Nella sezione Attualità si discute di politiche fiscali e welfare.

[...]
vai all'archivio degli eventisee all the happenings
firefox
Valid XHTML 1.0 Strict

migrazioni

L’altra faccia delle migrazioni: il care drain nei paesi di origine

Articolo scritto da:

Nella Sezione: Migrazioni femminili

L’articolo propone una lettura delle migrazioni, specie di quelle legate al lavoro femminile di cura, incentrata su un aspetto fondamentale per le politiche sociali, ma relativamente trascurato: il care drain o «drenaggio di risorse di cura», e più in generale gli effetti sociali dell’emigrazione sul tessuto familiare e comunitario dei paesi d’origine. Dopo aver discusso le principali sfaccettature del rapporto welfare-migrazione nell’ottica delle società di provenienza, si propongono alcune osservazioni sulle potenzialità e i limiti delle politiche di contrasto del care drain, e sugli effetti ambivalenti della migrazione per il welfare, tra protezione sociale e creazione di nuovi bisogni e disuguaglianze.
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Politiche, servizi e migranti: questioni aperte sull'integrazione

Articolo scritto da:

Nella Sezione: TEMA: Il servizio sociale italiano nell’ambito dell’attuale sistema di welfare

L’integrazione rappresenta una questione centrale della politica migratoria, in particolare rispetto al riconoscimento di diritti agli stranieri presenti in un territorio, riconoscimento che di fatto, oltre che di diritto, traccia le traiettorie dei migranti e le modalità di inserimento nelle società di accoglienza. Le scelte di politica sociale in questi ultimi anni sembrano andare in una direzione opposta a quella di un welfare universale, nel quale contemperare in modo equo le esigenze di tutte le persone, cittadine o migranti. La scarsità delle risorse disponibili e l’introduzione dei conseguenti meccanismi di preferenza limitano sempre più i possibili beneficiari (attraverso l’inasprimento dei requisiti di accesso), mettendo a forte rischio il riconoscimento della pari dignità sociale e i diritti fondamentali degli stranieri. La riflessione sulla dimensione etico-politica delle politiche di welfare più recenti si offre come spunto per guardare al futuro dell’intervento sociale, nell’ambito dell’integrazione dei migranti, considerando inscindibili la promozione di politiche di integrazione, il ripensamento dell’organizzazione dei servizi sul territorio e la coesione sociale
articolo completo visibile solo da utenti abbonati