login_rps_multi

Username:

Password:

Hai perso la password?

Username:

Password:

Retrieve lost password

calls

eventi_rps

RPS 1 2018

Il testo è la sintesi dell’articolo pubblicato nella sezione Tema del n. 1 2018 di Rps e scaricabile dagli abbonati nella versione integrale al link:

[...]
vai all'archivio degli eventisee all the happenings
firefox
Valid XHTML 1.0 Strict

Regolazione politica ceti sociali classi dirigenti

Regolazione sociale, concezioni della solidarietà e della produzione del benessere nel Mezzogiorno

Articolo scritto da:

Nella Sezione: Regolazione politica ceti sociali classi dirigenti

Il saggio si propone di analizzare le interazioni tra modernizzazione, politica e produzione del benessere nelle regioni meridionali, area in cui alcuni fenomeni negativi determinati da queste relazioni appaiono in maniera radicale e particolarmente visibile, senza per questo essere esclusivi del Sud. Dopo un excursus storico sulle principali modalità della modernizzazione meridionale e a partire da alcune ipotesi e constatazioni fondamentali – fra cui quelle del legame profondo tra regolazione sociale, welfare e produzione di benessere e della persistenza del connotato assistenzialistico nel welfare meridionale – il saggio descrive alcuni significativi legami tra politica, mercato, comunità, gruppi d’interesse e welfare, riflettendo sulle forme assunte dalla politica nella sua incapacità di favorire reali processi di organizzazione istituzionale e di redistribuzione della ricchezza.
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Sanità nel Mezzogiorno. Carenze strutturali e cultura della dirigenza

Articolo scritto da:

Nella Sezione: Regolazione politica ceti sociali classi dirigenti

Il contributo mira a rendere conto di alcune evidenze empiriche tratte da recenti lavori di ricerca, che documentano da un lato le differenze macroscopiche nelle carenze strutturali tra Regioni meridionali e resto del paese, e dall’altro le caratteristiche qualitative della cultura gestionale e amministrativa dei vertici strategici della sanità locale nelle varie aree del paese, con particolare attenzione per il contesto sanitario meridionale. Ne emerge un quadro di difficoltà, che rimanda in molti casi alla debolezza di quello che può essere considerato l’hardware o il core-business del sistema, e cioè le strutture ospedaliere e ambulatoriali, le apparecchiature e il personale specializzato. Ma spesso va chiamato in causa anche il software gestionale, cioè le funzioni manageriali, quelle funzioni che sovrintendono ad aspetti cioè di tipo aziendale e organizzativo, che assumono una valenza speciale in un contesto particolare e delicato, quale quello sanitario, in quanto da esse dipendono la vita e la morte delle persone e la tutela del diritto costituzionale alla salute, che si presenta spesso con carattere di urgenza e non rimandabilità.
articolo completo visibile solo da utenti abbonati

Élite senza leadership. Note su élite e classi dirigenti meridionali

Articolo scritto da:

Nella Sezione: Regolazione politica ceti sociali classi dirigenti

L’articolo analizza i fattori storici, socio-culturali ed economici che evidenziano la debolezza delle élite locali e degli attori sociali nell’Italia meridionale. L’articolo concentra in particolare l’attenzione sulle odierne élite locali. Secondo l’autore, la debolezza di tali élite consiste nel non rappresentare adeguatamente un moderno pluralismo sociale. Anche a causa di una sostanziale assenza di élite economiche nel Mezzogiorno, le élite locali sono dominate da quelle politiche che manovrano i potenti mercati politici locali controllandoil territorio. Il consenso politico rappresenta di fatto la principale risorsa per il Sud e sono le élite politiche locali a fare da intermediarie per conto del governo centrale. In ragione di quanto argomentato, l’Italia meridionale non risente solamente di uno sviluppo (socioeconomico) «dimezzato» ma allo stesso tempo di una autonomia (istituzionale) «dimezzata».
articolo completo visibile solo da utenti abbonati